Servizio di continuità assistenziale

 Servizio di continuità assistenziale

Articolato con più sedi distribuite nell'area del Friuli Occidentale di competenza dell'Azienda, il Servizio di Continuità assistenziale fa parte della rete dei servizi delle cure primarie e ha lo scopo di garantire assistenza appropriata nelle situazioni clinico-assistenziali non differibili.

Si definiscono non differibili le prestazioni che non possono attendere l’intervento del medico di famiglia, intendendosi per questi i Medici di Medicina Generale e i Pediatri di Libera Scelta, quando questi, per ragioni contrattuali, non risultino disponibili.

La Continuità assistenziale, di conseguenza, da un lato si integra con la rete dei medici di famiglia, dall’altro costituisce una componente sussidiaria della rete di servizi di urgenza/emergenza dell’Area vasta della provincia di Pordenone. Per quest’ultimo aspetto, data la distribuzione capillare nel territorio, essa è di fatto un terminale privilegiato cui la popolazione può afferire anche in situazioni di urgenza relativa.

Compito del medico di continuità assistenziale è quindi duplice:

  • rispondere personalmente ai bisogni sanitari di base non differibili;
  • attivare la rete dell’urgenza/emergenza nei casi più complessi, qualora ritenuto necessario sulla base di compiuta valutazione clinica del singolo caso, una volta erogate le prestazioni di propria competenza.

Analoghe funzioni svolge il servizio di Guardia Medica Turistica stagionale nelle località di maggiore afflusso turistico.
Non rientra fra i compiti del Servizio di Continuità assistenziale supplire ai problemi di accessibilità degli assistiti al medico di famiglia.

I Servizio, rivolto a tutta la popolazione residente nell’ambito territoriale afferente a ciascuna sede di servizio, è attivo dalle 20 alle 8 tutti i giorni feriali, dalle 10 del sabato alle 8 del lunedì e dalle 10 del giorno prefestivo alle 8 del giorno successivo al festivo.